QUESTO TAVOLO INTERESSERA’ ANCHE LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO ?

Assemblea del personale del CFVA, quale futuro per il Corpo Forestale Sardo? Lo Stato è pronto all’apertura di un tavolo istituzionale con le Regioni a statuto Speciale che coinvolgerà nell’importante riforma della pubblica amministrazione, anche il personale del Corpo Forestale e di vigilanza Ambientale della Regione Sardegna, oltre che il personale degli altri Corpi Forestali delle Regioni e Province Autonome. Questo è quanto è emerso durante l’assemblea dove ha partecipato con un lungo e approfondito intervento l’On.le Francesco Sanna, supportato tra l’altro da un messaggio video del sottosegretario di stato alla pubblica amministrazione On.le Angelo Rughetti proiettato durante i lavori dell’assemblea che si è svolta a Cagliari presso i locali C.R.F.P. (ex Cisapi), alla quale hanno partecipato tantissimi operatori del C.F.V.A., e nella quale è intervenuto anche l’On. Gianpietro Comandini del Consiglio Regionale della Sardegna, che ha manifestato il proprio impegno per una seria riforma del CFVA.
I SINDACATI. «La nostra organizzazione sindacale Fendres-Safor – spiega Ignazio Masala – dal giorno della sua nascita ha lavorato affinché anche il personale del Corpo Forestale Sardo così come sta avvenendo in ambito nazionale con il Corpo Forestale dello Stato, venga inserito nel processo di riforma a seguito della Legge Madia (L.124/2015), anche perché oggi i reati ambientali tra cui il traffico di rifiuti di ogni genere, le speculazioni sugli impianti delle energie rinnovabili, l’abusivismo edilizio, le contraffazioni alimentari, sono reati che oltrepassano i confini della nostra Isola e anche quelli nazionali, necessitano di una forza di polizia adeguata, una migliore organizzazione e specializzazione in campo nazionale senza le inutili e dispendiose sovrapposizioni locali e le distaccate duplicazioni di enti, corpi, agenzie che agiscono per conto proprio, talvolta arrivando persino a contrastarsi. La Sardegna – prosegue Masala – non può isolarsi come affermato dallo stesso On.le Rughetti nel suo intervento video: “penso sia sbagliato che le Regioni a Statuto speciale restassero isolate o non cogliessero l’opportunità che questa riforma sta dando..” Un gran numero di personale oggi in attività nel CFVA vuole continuare a svolgere il proprio lavoro nella propria Isola con una maggiore professionalità e con una migliore organizzazione, nella futura e ormai prossima Polizia Ambientale Nazionale, così da poter continuare a contribuire con il proprio lavoro a salvaguardare il patrimonio ambientale, alimentare … beni di inestimabile valore sempre più sfruttati – ha concluso Ignazio Masala – senza scrupoli per esclusivi interessi economici di taluni a scapito di tutti i cittadini». (Alessandro Congia Castedduonline.it)

Dal sito uglcorpoforestale.it del 27 dicembre 2015

(ANSA) – ROMA, 27 DIC – «Prendiamo atto del rinvio della pubblicazione del decreto legislativo sulla riorganizzazione delle funzioni di polizia e, nelle more della ripresa del confronto, sospendiamo per il momento tutte le iniziative di protesta programmate, a partire da quella che avevamo previsto per oggi a Pontassieve». È quanto affermano in una nota le segreterie nazionali dei sindacati dei forestali Sapaf, forestaleUgl-Cnf, Snf, Cgil-Cfs e Dirfor. «Nell’auspicio che tale rinvio consenta – dicono i segretari Marco Moroni, Danilo Scipio, Andrea Laganà, Francesca Fabrizi e Maurizio Cattoi – una più profonda riflessione sul futuro del Corpo forestale, chiediamo nuovamente al presidente del consiglio Matteo Renzi di convocare le rappresentanze del personale per discutere nel merito i provvedimenti che riguardano il nostro futuro. La nostra proposta è sul tavolo e può essere sicuramente una valida alternativa da perseguire». «Ovviamente – concludono le organizzazioni sindacali – le nostre iniziative sono solo sospese, ma non esiteremo a riprenderle qualora il governo non intenda ascoltarci e voglia nonostante tutto confermare il malaugurato intento di militarizzare la forestale e la sicurezza ambientale».